MAX BILL A PALAZZO REALE

di Lorenzo Mazzi

www.eosarte.it

data : 08.06.2006

Le Foto: Max Bill, Illimitato limitato, olio su tela, 1947, 103x110 cm; Max Bill; Max Bill, Continuità, rame, dorato, 1946-1982; Max Bill, Costruzione di un anello a forma di sfera, granito nero, 1965-1966, 39x47,5x39 cm; Casa di abitazione e atelier Max Bill, Zürich-Höngg, 1936-1937; Max Bill, Orologio da parete, 1961

Max Bill (Winterthur, 1908 - Berlino, 1994) fu pittore, scultore, architetto, designer; una sorta di “creatore universale”. Ha progettato modi di vita, spazi, utensili e oggetti d’uso quotidiano: da un intero villaggio come la scuola di Ulm, a esposizioni, a edifici corporativi, da unità residenziali prefabbricate a viadotti autostradali; ha realizzato innumerevoli pitture e le sue sculture sono in luoghi pubblici di molte città del mondo; ha scritto testi teorici e monografie e ha fatto inoltre parte del consiglio comunale di Zurigo.

Il nucleo di questa poliedricità si forma, tra il 1927 e il 1929, al Bauhaus di Dessau, dove Bill ha avuto modo di conoscere le opere costruttiviste e di frequentare grandi maestri quali Paul Klee, Wassily Kandinsky e Josef Albers.

All’attività artistica egli affiancò appunto anche il pensiero teorico, l’impegno politico e divulgativo e l’insegnamento: fu tra l’altro co-fondatore della Hochschule für Gestaltung a Ulm e membro di diversi gruppi e associazioni di artisti, architetti e designer a livello europeo.

Divenne in tal modo il leader carismatico del concretismo internazionale, influenzando il pensiero dei movimenti artistici della metà del Novecento, tra cui l'italiano MAC, Movimento di Arte Concreta, e conseguendo numerosi riconoscimenti internazionali.

La sua produzione è coerente in tutte le sue forme con i principi dell’Arte Concreta, definita dalle sue stesse parole come «l’espressione pura della misura e della legge armonica». Una ricerca dove domina la sua personale immaginazione e che, nel perseguimento dei principi essenziali della creazione, lo avvicina al metodo matematico; le sue opere, tanto in pittura quanto in scultura - celebre è la serie del “nastro infinito” - e design, sono caratterizzate dalle forme geometriche pure ed essenziali e dalla ricerca sul colore.

Le ampie e luminose sale di Palazzo Reale offrono un ottimo contesto espositivo per la mostra, che si sviluppa in un percorso articolato e attraverso un allestimento studiato sulle diverse tipologie di opere che l’artista ha progettato.

La mostra milanese, curata da Otto Letze e Thomas Buchsteiner dell’Institut für Kulturaustausch, rappresenta quindi, in un contesto internazionale, l’occasione di conoscere a fondo un artista che con la sua produzione ha segnato non solo i movimenti artistici contemporanei ma, attraverso il design, le opere pubbliche, l’architettura, ha influenzato anche il gusto della vita quotidiana.

 

 

Max Bill

Dal 29 marzo al 25 giugno

Palazzo Reale

Piazza Duomo - Milano

www.comune.milano.it/webcity/portale/palreale.nsf/vinEvidenza/DSEV-6NHJM5

 

Home | Aste Calendario | Aste Top Lots | Aste Press | Recensioni Mostre Antiquarie | Cultura e Arte | News Mostre Antiquarie | Antiquari e Gallerie | Calendario Antiquario | Amarcord Antiquario | Restauro | Gli Articoli di EOS | Documenti Utili | Buon Vivere | Gli Archivi

La testata Eosarte ed il sito www.eosarte.it hanno assorbito tutti i contenuti di EOS-Mercanti d'Arte e di www.eosmercantidarte.it
Copyright © 2004-2005 Associazione Arte Club Tutti i diritti riservati
Autorizzazione Tribunale di Arezzo n. 13/2003 del 17/03/2006 - Direttore Responsabile Paolo Vannini - Direttore Editoriale Pierluigi Puglisi .
tel. 0575 1822105 fax 0575 1822106 - eosrivista@yahoo.it - eosredazione@yahoo.it