Notizie di Eos -  Settembre 2007 - pubblicate il 06.09.2007
Site search Web search

powered by FreeFind 
    
Sito di informazione sul mercato dell'arte e la cultura

Home | Aste Calendario | Aste Top Lots | Aste Press | Recensioni Mostre Antiquarie | Cultura e Arte | News Mostre Antiquarie | Antiquari e Gallerie | Calendario Antiquario | Amarcord Antiquario | Restauro | Gli Articoli di EOS | Documenti Utili | Buon Vivere | Gli Archivi

FIERA ANTIQUARIA di AREZZO

la prima domenica
del mese
e il sabato precedente
40 anni di successi, 
500 espositori, 100 antiquari
..la più antica...la più grande

  Pubblicità sul Sito

Contatti: mail:  eosarteadv@yahoo.it
Pierluigi Puglisi Tel. 0575 1822105 – 06 6871782 - fax 05751822106 – 3381628647
Romildo Mazzi Tel 02 2344907 – fax 234932165 – 335432799 - rmazzi@tiscali.it
Isabella De Stefano – 3393324386 -isabella.destefano@yahoo.it

 
 
Tutti i Titoli Notizie di Settembre 2007
- pubblicate il 05.09.2007
- pubblicate il 04 e 03.09.2007

Cultura , mostre,  arte contemporanea, eventi musicali  -  Aste - Mercato Antiquario, Restauro

06.09.2007

Antiquariato, Siena: la XII edizione della Mostra Mercato dell’Antiquariato, Fine Art e Gran Mercato

Mostre, Roma: Dio ed Io di Gaia Scaramella alla Z20 Galleria – Sara Zanin

Mostre, Castelluccio di Pienza: Granaio di Rolando Deval a Villa La Foce

Mostre, Pietrasanta (Lucca): La robotica e i materiali innovativi alla Chiesa e Chiostro di Sant’Agostino 

Trento: la III edizione del Premio internazionale della performance 2007

XII edizione di Milano Film Festival

Palermo: al Teatro di Verdura Eleonora Abbagnato

In Preparazione la nuova Guida a Sagre e Feste della Romagna – anno 2008

Mostre, Moncalvo (AT): Arte Contemporanea in Casa Montanari

Lucca capitale europea della carta e non solo


Notizie 06.09.2007

Antiquariato, Siena: la XII edizione della Mostra Mercato dell’Antiquariato, Fine Art e Gran Mercato

Le immagini: Renato Natali, Lungomare con viandante al tramonto, olio su tela;  Firenze, inizi del XVII° secolo, Cornice “Palatina” in legno intagliato ed interamente dorato

Dal 20 al 28 ottobre 2007 la Fortezza Medicea ospiterà la XII Edizione della Mostra Mercato dell’Antiquariato, Fine Art e Gran Mercato, con  circa 70 antiquari su 2000 mq. La manifestazione è organizzata anche quest’anno da “Eventi d’Arte e Antiquariato Internazionali” un consorzio “di antiquari per gli antiquari”. E' un pool di operatori del settore, coordinati da Carlo Teardo, che uniscono le loro energie e competenze per dar vita ad una manifestazione di livello, al passo con le esigenze del mercato e degli espositori che, con le opere esposte, sono i veri protagonisti della mostra. La XII edizione della rassegna senese incontra tradizione e novità. Valorizza  l'esperienza delle precedenti mostre, attrattive per un numeroso ed interessato pubblico di esperti e collezionisti, si emancipa con alcune importanti e sostanziali novità: dall’arricchimento del panorama espositivo alla nuova articolazione dello spazio e dei percorsi. Sensibile alle sollecitazioni del mercato, consapevole della necessità di presentare al mondo dell’antiquariato una manifestazione moderna, capace di sintetizzare le prestigiose origini con i mutati interessi di un pubblico sempre più esigente e preparato, l’organizzazione ha operato una rilettura della rassegna che a portato a  sostanziali modifiche di contenuti e a una ridefinizione del lay-out. La certezza è quella di aver scelto e lavorato al meglio per soddisfare le esigenze espositive degli antiquari e gli interessi compositi degli appassionati di arte e antiquariato. Con questa filosofia, la XII edizione dell’antiquariato senese si propone con lo slogan “A Siena l’antico è per tutti”. E' un'occasione per collezionisti e curatori di musei, per esperti e studiosi, per appassionati, per “raccoglitori”. E' soprattutto un'opportunità per coloro che amano il bello, che apprezzano il “fascino antico” delle “cose d’arte” che parlano di passato, della nostra storia… un fascino che è memoria.

La XII edizione di Mostra Mercato dell’Antiquariato, Fine Art e Gran Mercato si propone, quindi, di aprirsi a tutti a coloro che già “son colti d’arte” e ai “neofiti” che partendo da una semplice visita, dalla curiosità intellettuale che spesso stimola un piccolo acquisto, possono crescere e muoversi verso una conoscenza più approfondita e puntuale. Il mercato antiquario oggi necessita di nuovi interlocutori, di sviluppare e accendere nuovi appassionati, deve affiancarsi ed affiancare le giovani generazioni. Tutto ciò si incontra nelle proposte realizzate da “Eventi d’Arte e d’Antiquariato”  che, recependo le sollecitazioni del Comitato promototore, fulcro della rassegna, in collaborazione con Monte dei Paschi di Siena, ha dato vita alla mostra. L’intesa con il presidente del Comitato promotore Daniela Bindi, assessore alle attività economiche del Comune, e l’appoggio di una delle Banche più attive nel sostegno alle attività artistiche - custode di collezioni private ricche ed articolate - e nata nel territorio senese, ha permesso di studiare iniziative parallele alla mostra che coinvolgono l’intera città. Impossibile elencare tutto quanto sarà esposto negli stand, ma è comunque possibile accennare ad alcune opere che ci sono state segnalate direttamente dagli espositori. Seguendo un filo merceologico e storico cominceremo dai dipinti antichi con una tela di Elisabetta Sirani (XVIII sec) raffigurante “Il Bambin Gesù e San Giovannino” per proseguire con coppia di “Battaglie tra cavalieri” della bottega napoletana di Marzio Nasturzio (XVII-XVIII secolo). Sempre tra le battaglie, ma di diversa provenienza, ecco una “Scena di battaglia” in cornice coeva della scuola del Borgognone. Per i collezionisti di nature morte sono sicuramente d’interesse i due ovali di Margherita Caffi. Poi alcuni ritratti a cominciare da quello del “Principe Venceslao di Kaunitz-Rietgerg” in veste ufficiale con l’Ordine del Toson d’Oro eseguito nell’ambito di Anton von Maron (1733-1808). Ottocentesca anche la bella “Bambina sdraiata” di Francesco De Gregorio (seconda metà ‘800). Inconsueto il soggetto del ritratto, o forse autoritratto, di “Gentiluomo in formalina” datato 1852 che reca la scritta “embyon antique foetus de 45 ans”! Tornando all’antico e a soggetti “più facili” citiamo una “Mareggiata” di artista francese della seconda metà del XIX secolo e, coevo, un piccolo acquarello “Paesaggio”. Parlando di natura accenniamo subito a un “Tempietto nel bosco” del livornese Gino Romiti più volte citato come “il pittore della primavera” per il suo amore per gli alberi e i fiori. Da un livornese ad un altro: Renato Natali del quale è esposta tela raffigurante uno scorcio di lungomare con viandante al tramonto. Ancora un livornese: da molti definito come il miglior post-macchiaiolo, Mario Puccini, del quale si potrà ammirare un “Mare” dove l’orizzonte si stempera tra cielo e mare nelle tinte accese del tramonto. Entriamo nel ‘900 con alcune opere di Anna Romano tra cui citiamo una “Coppia di cavalli rampanti” , un “Autoritratto” e “Astrazioni”. Passando ai mobili visto che saranno molti, è più semplice ricordare che si troveranno tavoli in massello o impiallacciati, con piani intarsiati in essenze varie e preziose di epoca neoclassica, o con gambe tornite a rocchetto del’500 e ‘600 o mosse e intagliate a riccioli e conchiglie di pieno gusto settecentesco. A fianco dei grandi tavoli tutta una serie di tavolini da toilette, lavoro, da gioco con piani a libro o fissi, con cassetti e segreti. Molte anche le consolle con appoggio a terra o a goccia come una piccola raffinata mensolina romana della seconda metà del ‘600 in legno intagliato, dorato e laccato. Ancora cassettoni, ribalte e trumeaux, sedie e poltrone, singole o in coppia o, decisamente più rare in serie più numerose. Non mancheranno cornici e specchiere, per brevità segnaliamo una coppia in legno intagliato e dorato della bottega di Filippo Juvarra, (Piemonte, terzo quarto XVIII secolo). Tante anche le sculture: in bronzo patinato il “Nautilo” (Paesi Bassi XVII secolo) o dorato come l’"Angelo Annunciante” della bottega di Giovanni di Stefano (SienaXV/XVI secolo) o in terracotta come il “San Giacomo Maggiore” (Pistoia? XVII secolo). Sculture in legno come i due busti reliquari toscani della fine del XVIII secolo, o in marmo “Bambino che strozza il serpente” sempre toscano ma di un secolo prima, e in avorio, francese del XIX secolo, come “Ercole e il drago”. Ora gli oggetti, molti, moltissimi: scatole e scatoline, mappamondi e sfere armillari, bastoni e vasi in vetro e ceramica. Poi piatti, albarelli, conche e figurine singole o in gruppo. Infine non mancheranno argenti e gioielli.

Logo

La XII edizione di Mostra Mercato dell’Antiquariato, Fine Art e Gran Mercato ha un logo, un’immagine in cui si riconosce e che la contraddistingue. Un’immagine dal sapore antico, un’immagine Liberty che ci riporta agli inizi del XX secolo, a quel 1904 quando, tra marzo e agosto, Siena fu teatro della prima grande “Mostra dell’Antica Arte Senese” nata sotto il patronato di S.E. il Ministro della Pubblica Istruzione – allora l’avvocato Vittorio Emanuele Orlando – che si svolse “nel monumentale Palazzo Civico”. Come ci ricorda il manifesto dell’epoca - eseguito dalla pittrice C. Ceccarelli - nel 1904 furono esposti: Dipinti, Disegni, Miniature, Stampe, Sculture in Pietra e in Legno, Tarsie, Oreficerie, Bronzi, Medaglie, Monete, Armi, Mobili, Utensili, Arnesi, Stoffe, Arazzi, Trine, ricami, Vetrerie, Ceramiche ed Oggetti d’interesse artistico e storico. Cent’anni dopo possiamo pensare di ritrovarli, in mostra a Siena, affiancati da una altrettanto vasta panoramica di oggetti d’interesse che ci racconta la vita di quel XX secolo allora agli albori, che si preannunciava ricco di novità e carico si aspettative, in molta parte, almeno in campo artistico non certo disilluse.

Spronsor Unico

La Banca Monte dei Paschi di Siena, sorta nel 1472 come Monte di Pietà per dare aiuto alle classi disagiate della popolazione senese, oggi è a capo di uno dei primi cinque gruppi bancari italiani attivo sull’intero territorio nazionale e sulle principali piazze internazionali. Ritenuta la più antica banca del mondo, Monte dei Paschi di Siena è dunque anche la più antica Banca del mondo che si occupa d’arte in modo attivo e fattivo. Il suo costante interesse per la cultura l’ha portata non solo a promuovere e investire in una politica di sostegno del settore ma, anche, a costituire una collezione di grande pregio artistico e storico che guarda con particolare interesse alla tradizione artistica senese a partire dalla Madonna della Misericordia, un affresco commissionato a Benvenuto di Giovanni del Guasta nel 1481 per ricordare la fondazione dell’Istituto di Credito.

Mostre Collaterali

Grazie all’appoggio della Banca Monte dei Paschi di Siena possiamo annunciare che la XII edizione della mostra avrà una “collaterale” di prestigio. Saranno, infatti, esposti tre importanti “Vedute Senesi” di proprietà della Banca. Due sono opera di Giuseppe Zocchi (Firenze 1711 - 1767) il più importante esponente del vedutismo fiorentino, uno è di Francesco Menci (Anghiari 1772 – Siena 1850): Veduta diurna della Piazza del Campo col Palio corso in onore del Granduca Francesco I Duca di Lorena e Maria Teresa Arciduchessa d’Austria il 2 aprile 1839, olio su tela di cm 82 x 132. Veduta notturna della Piazza del Campo con fiaccolata e corteo per la venuta a Siena del Granduca Francesco I  Duca di Lorena e Maria Teresa Arciduchessa d’Austria il 3 aprile 1739, olio su tela cm 84 x 116. Passeggiata storica del Palio del 18 agosto 1833, olio su tela cm 90 x 137

Sede Espositiva

La Fortezza Medicea ha un’ottima ubicazione, è subito all’esterno della zona pedonale che circoscrive la famosissima Piazza del Campo, da cui è facilmente raggiungibile. Sul territorio comunale sono attive anche linee di trasporto pubblico che la raggiungo. Ugualmente, perché dotata di parcheggio esterno alle mura, è di facile accesso  anche in auto per chi provienine da fuori città. La fortezza fu eretta nel 1560 per volontà di Cosimo I° de’ Medici al fine di creare un presidio in loco che dissuadesse i senesi da qualsivoglia tentativo di ribellione, giacchè la città era caduta – dopo la parentesi spagnola – in mano ai fiorenti. Sul finire del Settecento venne smilitarizzata e, in connessione con la vasta area della Lizza, divenne un giardino pubblico. Ora è sede di manifestazioni temporanee e sede permanente dell’Associzione culturale Siena Jazz.

Allestimento

“Simone Martini” e “Duccio di Boninsegna” sono i nomi dei due settori che contraddistinguono lo spazio espositivo della XII edizione. La mostra si presenterà come un corpo unico all’interno del quale, in stretta relazione e senza soluzione di continuità, si passerà da una zona all’altra. “Simone Martini” e “Duccio di Boninsegna” si distinguono per il lay-out: uno giocato all’insegna di un morbido rosso – vicino ai caldi colori delle terre senesi – l’altro di un fresco e moderno verde. La diversificazione degli stand è dettata dall’offerta delle opere che saranno presentate: non solo “alto antiquariato” ma anche oggettistica del 900, modernariato, arti minori e decorative. Tutte le opere saranno visionate da una Commissione tecnica formata da Storici, Antiquari; Docenti.

Partecipanti

Scorrendo l’elenco delle passate edizioni – che presenta nomi illustri dell’antiquariato nazionale – ed i contatti avuti in questi mesi di preparazione, grazie anche all’allargamento delle tipologie e merceologie previste, la mostra conta di avere circa 70 stand, più o meno equamente divisi tra la zona “Simone Martini” e la zona “Duccio di Boninsegna”.

Inaugurazione

La serata inaugurale sarà ad inviti

Catalogo

Per quest’edizione è prevista la stampa di un “Vademecum” della Mostra contenente tutte le informazioni sui partecipanti, alcune immagini delle opere esposte e tutte le notizie utili alla visita.

Segreteria Operativa

Patrizia Rimaboschi - Eventi d’Arte e Antiquariato Internazionali - Via Privata Maria Teresa, 4 – 20123 Milano - tel +39 02 80509395 - fax +39 02 86910564 - cell +39 335 6979632 - eventiarte_2007@libero.it

Scheda Tecnica

XII Mostra Mercato dell’Antiquariato - Siena, Fortezza Medicea; 20 – 28 ottobre 2007. Comitato Promotore: Comune di Siena, C.C.I.A.A. di Siena, Provincia di Siena, Confcommercio di Siena, Confesercenti di Siena

Sponsor Unico: Banca Monte dei Paschi di Siena; Società organizzatrice: Eventi d’arte e antiquariato internazionali;

Denominazione: Mostra Mercato dell’ Antiquariato; Fine Art e Gran Mercato

Edizione: XII

Scadenza: Biennale

Durata: 20 – 28 ottobre 2007

Luogo: Fortezza Medicea

Orario: Tutti i giorni dalle 15 alle 20, festivi e prefestivi dalle 10 alle 20

Biglietti: 7 € intero; 5 € ridotto

Superficie espositiva: 2000 mq

Espositori: circa 70

Conferenza stampa: Fortezza Medicea, venerdì, 19 ottobre 2007, ore 13

Inaugurazione: Fortezza Medicea, venerdì, 19 ottobre 2007, ore 18.30

Coordinatore Mostra: Carlo Teardo, via Privata Maria Teresa, 4 – 20123 Milano, tel +39 02 80509395    fax +39 02 86910564    cell +39 335 6979632, eventiarte_2007@libero.it

Segreteria operativa: Patrizia Rimboschi, Eventi d’Arte e Antiquariato Internazionali, via Privata Maria Teresa, 4 – 20123 Milano, tel +39 02 80509395    fax +39 02 86910564    cell +39 335 6979632   , eventiarte_2007@libero.it

Ufficio stampa nazionale: Anna Orsi, Via Carducci, 34 – 20123 Milano, tel +39 02 89010225  cell +39 335 6783927, anna.orsi@alice.it    anna.orsi@pressart.eu

Ufficio stampa regionale: Antonella Leoncini, cell +39 339 4107616, antonella.leoncini@libero.it

Informazioni: Patrizia Rimboschi, tel +39 02 80509395    fax +39 02 86910564    cell +39 335 6979632  eventiarte_2007@libero.it, Anna Orsi, tel +39 02 89010225  cell +39 335 6783927, anna.orsi@alice.it    anna.orsi@pressart.eu

Sito internet: www.comune.siena.it

Progetto grafico: M&CM, www.mecm.it

Allestimenti: Executive Planning

BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA: 500 ANNI PER LA CULTURA

L’attenzione alla cultura costituisce un aspetto fondante della Banca Monte dei Paschi di Siena. Nel corso della sua plurisecolare attività, la Banca non si è limitata ad investire in cultura, ma si è resa protagonista di iniziative artistiche e sociali di elevato spessore qualitativo, sia operando attraverso una politica di supporto e sostegno di lungo termine, sia aprendo al pubblico l’importante patrimonio storico-artistico di proprietà. In oltre cinquecento anni la Banca ha costituito una collezione privata di opere d’arte di grande pregio. I pezzi che la compongono testimoniano i momenti creativi salienti della grande tradizione artistica senese, a cominciare dall’affresco della “Madonna della Misericordia”, commissionato nel 1481 a Benvenuto di Giovanni del Guasta per celebrare la fondazione dell’Istituto, fino al recente dipinto di Valerio Adami realizzato per celebrare il ruolo della Banca e delle sue molteplici attività. Alla ricca raccolta così costituita si affianca dal 1959, la proprietà di gran parte della Collezione Chigi Saracini, conservata nel palazzo sede dell’Accademia musicale. Non di minore impegno sono state le ricorrenti iniziative di promozione artistica e culturale. Oltre agli eventi cittadini di musica classica, la Banca sostiene il Maggio Musicale Fiorentino, il Festival dei Due Mondi di Spoleto, il Teatro Regio di Parma, il San Carlo di Napoli, nonché ha supportato eventi di rilievo come la grande esposizione itinerante delle Biccherne senesi inaugurata al Quirinale, la mostra sul pittore senese Marco Pino a Napoli, la grande mostra di Duccio di Boninsegna e quella di “Siena e Roma” sui rapporti culturali e artistici tra la capitale e la città del Palio. Con altrettanto vigore la Banca opera in campo editoriale, con 130 anni di pubblicazioni che costituiscono un grande spaccato socio-culturale del territorio di riferimento. La Banca Monte dei Paschi apre al pubblico Rocca Salimbeni, propria sede storica, oltre ad alcuni palazzi di pregio di proprietà del Gruppo in diverse città italiane (tra le quali Firenze e Mantova), in occasione della Giornata nazionale di apertura dei palazzi delle Banche organizzata dall’ABI. Ultimamente la Banca ha anche acquistato tre dipinti di eccezionale valore artistico e culturale presentati alla città insieme al restauro, contemporaneamente sponsorizzato, della pala d’altare di Sebastiano Conca nella Chiesa di San Giorgio in Pantaneto a Siena. Nell’ambito del sostegno di importanti eventi artistici da parte di Banca Monte dei Paschi ricordiamo la recente rassegna “La passione e l’arte. Cesare Brandi e Luigi Magnani collezionisti” e l’attuale mostra “Etruschi: la collezione Bonci Casuccini” .

Banca Monte dei Paschi di Siena spa – Relazioni con i Media, Tel: 0577.299927, Fax: 0577.294148, ufficio.stampa@banca.mps.it


Mostre, Roma: Dio ed Io di Gaia Scaramella alla Z20 Galleria – Sara Zanin

La Z2O Galleria – Sara Zanin presenta l’artista Gaia Scaramella con la mostra Dio ed Io, che sarà aperta al pubblico dal 18 settembre al 27 ottobre 2007.  In occasione della mostra personale l’artista espone il ciclo di nuovi lavori Il Convento, I Chierichetti del Cardinale, I Francescani, I Sepolcri, Le Madonne, smalti e acrilici su tavola, realizzati dall’artista nel 2007. Gaia Scaramella, nonostante utilizzi una tecnica tradizionale, quella dell’incisione, la articola secondo processi tipicamente contemporanei, seguendo un percorso a volte installativo, dai contenuti in bilico tra sacro e profano, incentrato sulla propria personalità e sulla necessità di traghettare la riconoscibilità di incisore puro (che tiene a mantenere e difendere) verso la condizione più aperta di artista in senso lato. Nei confronti dell’ambiente incisorio romano (da Attardi a Gjokaj ai più giovani Lelario e Parisi), Scaramella ha trovato una forma di libertà e di superamento sperimentale di quello stesso linguaggio, realizzando opere uniche, utilizzando lastre componibili e di grande formato o servendosi di diverse e svariate tecniche, come ad esempio cuciture, pittura o supporti tridimensionali.

Marco Tonelli, presenta così l’artista nel suo testo in catalogo:

Tecnicamente parlando, sono opere che per certi versi rappresentano per lei una sorta di liberazione dalla necessità di essere incisore, pratica che senza rinnegare pone adesso decisamente su un piano sperimentale e contemporaneo. Se pensiamo che per Scaramella, incisore radicale e ostinata, punti di riferimento importanti sono stati, tra gli altri, l’opera di Sophie Calle in particolar modo e poi quella di Christian Boltanski, si capisce da dove derivi la necessità provocatoria ed emotiva di uscire dai limiti del foglio stampato e del segno inciso, fondendoli con superfici ricavate da ante di armadi e porte e iscrivendoli su una patina di vernice a smalto. E poi, come se non bastasse, affronta anche un tema abbastanza attuale e controverso, quello della religione e del rapporto tra istituzione e persona, tra potere e sesso. E di questo circo, senza essersene forse accorta, rende bene l’aspetto farsesco e caricaturale che ne danno in questi tempi i media e tutti quelli che vi partecipano in prima persona, creando delle opere che contengono alcuni di questi elementi da opera buffa. Per la prima volta Scaramella esce dal confine della sua intimità privata, delle sue iconografie familiari, delle sue lastre inchiostrate e corrose dall’acido, per portare questa esperienza profonda su un piano iconografico più pubblico e riconoscibile.

Gaia Scaramella è nata a Roma nel 1979. Ha conseguito il Diploma Accademico in Pittura presso l’Accademia di Belle Arti di Roma e attualmente insegna Tecniche dell’Incisione presso l’Accademia di Belle Arti “Lorenzo da Viterbo. Dal 1998 ha partecipato a varie mostre collettive e personali a Roma e in Italia, e a numerosi premi per l’incisione, aggiudicandosi nel 2007 il primo premio Grafica Italiana, a Vigonza (Pd).

SCHEDA INFORMATIVA:

Galleria: Z2O Galleria - Sara Zanin

Mostra personale: Gaia Scaramella, Dio ed io

Inaugurazione: martedì 18 settembre 2007 alle ore 18.30

Sede: via dei Querceti 6, 00184 Roma

Durata mostra: 18 settembre 2007 – 27 ottobre 2007

Orari: martedì a sabato 14.30 - 19.30 (lunedì chiuso) o su appuntamento
Ingresso libero

Per ulteriori informazioni:  Tel.: +39 06 704 522 61; Fax: +39 06 770 776 16 - info@z2ogalleria.it; www.z2ogalleria.it


Mostre, Castelluccio di Pienza: Granaio di Rolando Deval a Villa La Foce

Sabato 8 settembre si inaugura la mostra Granaio di Rolando Deval, che resterà aperta fino al 4 novembre 2007, curata da Peter Noser, presso Villa La Foce, incantevole storica località che domina la Val d’Orcia e le sue crete, a pochi chilometri da Pienza. Rolando Deval presenta in quest’occasione una serie di circa venti opere, alcune delle quali realizzate appositamente, che riprendono i motivi da sempre presenti nel lavoro dell’artista. L’incontro con  l’opera di Deval è un incontro con l’essenza delle cose: dietro a quell’effetto di semplicità, di nudità, che ci appare a un primo sguardo, si nasconde un lavoro rigoroso sui materiali, una complessità che è risultato di una costante riflessione e osservazione. I materiali usati sono per lo più carta, feltro, filo di ferro. Spesso il supporto è opaco, grezzo, indifferente, a volte la carta usata è riciclata, in un certo senso "di seconda mano",  quella che si usava, e che a  volte si usa ancora, in alcuni negozi di alimentari. Per Deval è importante non intervenire sul materiale sui cui lavora che deve necessariamente rimanere visibile, nudo. Clemens-Carl Härle, nel testo pubblicato sul catalogo edito per l’esposizione, definisce le opere di Deval ‘quadri-scultura’, proprio per quella “indiscernibilità fra pittura e scultura” che li contraddistingue. “Da un lato, Deval moltiplica i riferimenti alla scultura: la stratificazione dei fogli (ogni quadro ne contiene fino a venticinque) che ne fanno un che di tridimensionale; il trattamento del supporto: la carta, la materia viene letteralmente intagliata, incisa, cesellata, sfilacciata, perforata con le dita o con una pinzetta; la ripetizione del trattamento foglio dopo foglio. Dall'altro vengono mantenuti, con uguale insistenza, i riferimenti alla pittura: lo spazio dell’opera è solo virtualmente tridimensionale perché risulta da una semplice stratificazione di fogli, cioè di entità bidimensionali […]”. E l’opera viene poi presentata come un ‘quadro’ all’interno di una cornice. L’artista scava all’interno dei materiali che usa, crea dei volumi fatti di vuoti dai confini frastagliati, l’effetto è quello di un’erosione millenaria: cunicoli, camere, cellette, gallerie che ricordano il lavorio degli insetti (formiche, termiti o api), che scavano ed edificano, ed è proprio grazie all’osservazione di questi che Deval ha cominciato modificare il modo di pensare e costruire il suo lavoro. “Cambiando il punto di vista – dichiara l’artista – si può lavorare come un insetto, si può considerare un tempo e uno spazio contratti o dilatati rispetto al nostro”. Architetture che possiedono una forma di espressione ritmica, quasi fossero composizioni musicali ma, allo stesso tempo, anche paesaggi erosi dall’acqua e dal tempo.

Granaio di Rolando Deval sarà accompagnata da un catalogo con testi di Simone Menegoi e Clemens-Carl Härle. E’ realizzata in collaborazione con Galleria Alessandro Bagnai e Galleria Poggiali e Forconi.

Orario: Aperta da giovedì a domenica dalle 17 alle 20 e su appuntamento

Ingresso gratuito

Info: 347/4025828 – 055/680266; Segreteria: 0578/69101, info@lafoce.com  www.lafoce.com


Sanremo Rock 2007

Torna sulle scene italiane il concorso che ha visto protagoniste in passato tutte le migliori e affermate band del panorama nazionale: Sanremo Rock. Tappa obbligata nel percorso artistico della maggior parte dei gruppi esordienti degli ultimi anni, il concorso diventa di edizione in edizione sempre più ricco e carico di opportunità, a un costo di partecipazione sempre minore. Dalle original alle cover band, quest’anno Sanremo Rock si apre a tutte le categorie –singoli esclusi- per mettere in palio la realizzazione e distribuzione di un cd e tanti altri premi interessanti: realizzazione di videoclip, inserimento del proprio brano all’interno di una compilation, servizi giornalistici su testate nazionali…per non parlare delle riprese televisive, in onda su SKY, che verranno effettuate durante le finali, a Faenza, in concomitanza con il MEI.

La giuria d’eccellenza nell’edizione 2007 sarà composta da Andrea Rosatelli, Walter Sacripanti e Gianpaolo Rosselli (Sony BMG), esponenti di rilievo delle più importanti realtà discografiche italiane e scopritori in passato di gruppi e artisti poi lanciati a pieno titolo nel mercato musicale nazionale…Sanremo Rock si conferma così anche quest’anno il premio più ambito per i gruppi emergenti che avranno la possibilità di confrontarsi direttamente con il mondo discografico e di farsi conoscere da elementi di spicco del panorama musicale nazionale. La prima iscrizione è gratuita e passeranno alla seconda selezione solo coloro i quali verranno ritenuti idonei ad affrontare una giuria selezionata e una performance dal vivo di alto livello qualitativo.

Per partecipare è sufficiente inviare un cd demo a: Linea Spettacolo, Via Ottavio Gasparri 8, 00152 Roma entro il 30 settembre 2007.


Mostre, Pietrasanta (Lucca): La robotica e i materiali innovativi alla Chiesa e Chiostro di Sant’Agostino

Dalla rivoluzionaria invenzione di Padre Eugenio Barsanti, la tecnologia ha visto aprirsi nuove frontiere di ricerca e di applicazione. Un lungo percorso di acquisizione delle conoscenze sino allo sviluppo della robotica e dei cosiddetti materiali innovativi i cui esiti più avanzati sono al centro dell’originale mostra che si svolgerà dal 30 settembre al 28 ottobre 2007 nel complesso di Sant’Agostino, in quelle stesse mura che videro i primi studi ed esperimenti del giovane scienziato di Pietrasanta. Un’iniziativa promossa dal Comune di Pietrasanta e dal Premio Internazionale Barsanti e Matteucci in collaborazione con Finmeccanica, la Scuola Superiore Sant’Anna (Centro di ricerca Gustavo Stefanini e PERCRO) Oto Melara e Celin Avio (Gruppo Elettronica Melara). In occasione dell’VIII edizione del Premio Internazionale Barsanti e Matteucci, che si terrà a Pietrasanta il 27 ottobre 2007, si presenta una mostra che guarda agli sviluppi più innovativi del settore della robotica mostrando i molteplici impieghi di piattaforme terrestri ed aeree, di varie dimensioni e tipologie, per il controllo del territorio con funzione di monitoraggio, sorveglianza e ricognizione. Il costante progresso delle tecniche consente, infatti, di estendere le capacità dei sistemi robotici in termini di flessibilità d’impiego. In esposizione tante curiosità, tra le quali “Manta Mk2” : un robot aereo di piccole dimensioni, appena 7 chili e mezzo di peso, poco meno di due metri di lunghezza, sul quale è integrato un sensore ottico orientabile per la ricognizione e la sorveglianza a medio raggio. Può raggiungere i 200 km orari. E “Colibrì”, un micro-elicottero senza pilota, meno di un chilo di peso, controllato a distanza. La mostra illustra, inoltre, come l’utilizzo di nuovi materiali consenta di raggiungere le massime prestazioni, anche per oggetti di grandi dimensioni, aprendo nuove opportunità di applicazione con cicli produttivi più economici. Nelle sale del Chiostro di Sant’Agostino saranno presentati veicoli senza pilota, dimostratori tecnologici dell’impiego di nuovi materiali, piattaforme robotiche finalizzate alla sperimentazione e alla verifica di algoritmi e tecniche SW per la guida, il controllo e la navigazione di veicoli totalmente autonomi. L’evento espositivo, organizzato in sezioni tematiche, offrirà al pubblico un’ampia vetrina tecnologica tra filmati, pannelli esplicativi e strumenti robotici.

Mostra: La robotica e i materiali innovativi

Date esposizione: 30 settembre – 28 ottobre 2007

Luogo: Chiesa e chiostro di Sant’Agostino Pietrasanta (LU)

Orario: 16-19; da martedì a domenica

Visite guidate: gratuite, per gruppi di almeno 15 persone, prenotazione obbligatoria al numero 0584-795369

Ingresso: libero


Trento: la III edizione del Premio internazionale della performance 2007

Sono stati selezionati fra più di 170 candidati provenienti da tutto il mondo, i dodici finalisti del Premio Internazionale della performance 2007, l’iniziativa organizzata dalla Galleria Civica di Arte Contemporanea di Trento in collaborazione con centrale FIES. I prescelti, che si esibiranno dal vivo durante le serate finali del 5 e 6 ottobre, nella suggestiva cornice architettonica della Centrale di Fies a Dro (Tn) sono: Scoli Acosta (USA), Ei Arakawa (Giappone), Dj Balli (Italia), Michele Bazzana (Italia), Sedzia Glowny (Polonia), Søren Dahlgaard (Danimarca), Eva e Franco Mattes (0100101110101101.org, Italia), Kiki Blood (USA), My Barbarian (USA), Matteo Rubbi (Italia), Alessandro Sciarroni (Italia), Meir Tati (Israele).

 La giuria chiamata a visionare le proposte del 2007 sarà composta, come sempre, da nomi di assoluto rilevo nel panorama dell’arte contemporanea italiana e internazionale e verrà presieduta dall’artista e performer Jimmie Durham. Gli altri membri della giuria saranno Giacinto Di Pietrantonio (critico, direttore della Galleria di Arte Moderna e Contemporanea di Bergamo), Rune Gade (Professore Associato del Dipartimento di Arti e Studi culturali, Università di Copenhagen), An-Marie Lambrechts (coordinatore artistico del teatro Toneelhuis di Anversa), David Weinstein (direttore degli eventi al PS1, New York), Barbara Boninsegna (direttore artistico di drodesera FIES), Fabio Cavallucci (direttore artistico della Galleria Civica di Arte Contemporanea di Trento).

Info: Galleria Civica di Arte Contemporanea di Trento, Via Belenzani 46 - 38100 Trento, tel. 0461.985511, mail. info@galleriacivica.it


XII edizione di Milano Film Festival

Lunedi’ 10 settembre 2007 alle ore 11:30, presso il Teatro Strehler – Largo Greppi 1, si terrà la conferenza stampa di presentazione della XII edizione del Milano Film Festival. La manifestazione avrà luogo nel capoluogo lombardo dal 14 al 23 settembre 2007.

Interverranno:
Lorenzo Castellini e Beniamino Saibene, direttori; Giovanni Terzi, Assessore Sport e Tempo Libero – Comune di Milano; Daniella Benelli, Assessora Cultura, culture e intergrazione – Provincia di Milano; Massimo Zanello, Assessore Culture, identità e autonomie della Lombardia


Palermo: al Teatro di Verdura Eleonora Abbagnato

Eleonora Abbagnato ritorna a danzare nella sua città. Sarà infatti la protagonista, stelle tra le stelle, del “Gran galà di danza” in programma sabato 8 settembre al Teatro di Verdura, nell’ambito del VerduraTeatroMusic. Organizzano Agave e Live Spettacoli. La grande danzatrice ha chiamato “a raccolta” colleghi dell’Opera di Parigi, dove da alcuni anni è tra i primi ballerini più coccolati: ecco quindi salire sul palcoscenico palermitano, Benjamin Pech ed Hervé Moreau, a cui si uniranno la giovane etoile internazionale Alessandro Riga, Irena Veterova, dell'Opera di Wiesbaden, Edina Plicanic ed Eris Nazha del Croatian National Ballet. Le coreografie scelte spaziano dal classico al moderno: dal “Corsaro” di Adam disegnato da Petipa e ripreso da Drigo, interpretato da Alessandro Riga e Irena Veterova, alla più classica “Carmen” di Bizet, coreografia dell’amato Petit, interpreti la Abbagnato ed Hervé Moreau, a cui toccheranno anche, in chiusura, il pax de deux da “Le prisionniere” , sempre di Petit. Eris Nezha e Edina Plicanic si dedicheranno a “Il Lago dei Cigni” e a “La Bella Addormentata” secondo Petipa; a Benjamin Pech l’assolo da “L'après-Midi D'un Faune" per Malandin. La Abbagnato si è riservata anche l’apertura del secondo tempo: sarà la dolorosa “Dama delle Camelie” a fianco di Pech, seguendo la coreografia di quel genio di John Neumeier. Seguirà l’accattivante “Le Vie en Rose” di Edith Piaf nella coreografia di Ben van Cauwenbergh, interpreti Alessandro Riga e Irena Veterova.

Dopo Palermo la bionda danzatrice ritornerà nella capitale francese dove l’attende la nuova stagione all’Opera. Ha appena concluso una trionfale tournée in Giappone, in ottobre la attende una serie di  spettacoli con Claudio Baglioni in Libia. In gennaio sarà in tournée con Roland Petit a Ginevra e a Barcellona.

Biglietti: 35 euro (I settore), 30 euro (II settore),

25 euro (III settore), 20 euro (gradinata). Prevendite circuito Box Office


In Preparazione la nuova Guida a Sagre e Feste della Romagna – anno 2008

Patrocinata da Regione Emilia-Romagna, APT Emilia-Romagna, Province di Forlì-Cesena, Ravenna e Rimini, la “Guida Sagre e Feste della Romagna 2008” è giunta ormai alla nona edizione. L’Associazione Culturale Sagre e Feste, sta contattando tutti i Comuni e le Pro Loco della Romagna interessati a dare visibilità agli eventi da loro organizzati attraverso un canale che conta un vasto seguito di appassionati in tutta la regione e oltre. Anche i privati e le associazioni che desiderassero dare risalto alle manifestazioni da loro organizzate o alle loro attività possono inviare suggerimenti e segnalazioni e richiedere tutte le informazioni su questo progetto all’Associazione. La Guida è un progetto culturale, l’elenco di tutte le sagre e feste che ci verranno segnalate verrà pubblicato gratuitamente, sia nella versione cartacea, sia sul sito internet, nella sezione a calendario. Con le sue 132 pagine interamente a colori, ricche di foto e di preziose informazioni, la Guida è un utile strumento di consultazione per turisti e cittadini emiliano-romagnoli: riporta all’inizio le pagine dedicate ai Comuni, Comunità Montane e altre istituzioni con approfondimenti sul territorio. A seguire, mese per mese e in ordine cronologico, tutte le sagre e le feste, con approfondimenti su quelle più importanti e caratteristiche, con foto, recapiti per informazioni, eventi collegati, ecc. L’edizione di quest’ anno, ancora in edicola e libreria, contiene oltre 600 sagre, disposte in ordine cronologico, dalla piccola festa di borgo dedicata al prodotto tipico di punta alle suggestive rievocazioni storiche, fino alle feste nazionali o del Santo patrono locale. Tutte le feste inserite sulla Guida sono riportate sul portale www.sagreinromagna.it, continuamente aggiornato dalla redazione grazie a continue segnalazioni, i cui visitatori  sono passati da una media di 2.000 al mese nel 2000 a oltre 40.000 ad agosto 2007!

Info: www.sagreinromagna.it; info@sagreinromagna.it; Associazione Culturale Sagre e Feste, Galleria Urtoller, 16 - 47023 Cesena (FC), Tel. 0547/21349  - Fax 0547/362382, www.sagreinromagna.it; www.sagreinemilia.it


Mostre, Moncalvo (AT): Arte Contemporanea in Casa Montanari

S’ inaugura sabato 15 settembre alle ore 18.00 la mostra d’arte contemporanea allestita in Casa Montanari, nel centro storico della cittadina al n. 21 di via XX Settembre.

Nelle sale di Casa Montanari i visitatori potranno ammirare, negli ultimi  tre week end di settembre, le opere degli artisti: Bruna Marenzana di Tortona (AL) che presenta ritratti “urbani” realizzati con oli su tela; Flavio Fracasso di Castellazzo (AL) con i suoi assemblaggi; Pietro Perrera di Casale M.to (AL) e le sue colorate tavole in legno; Monica Bricola di Novi Ligure (AL) con oli su tela raffiguranti paesaggi surreali; Renato Luparia di Conzano (AL) con collage di fotografia dedicati ai quattro elementi: terra, aria, acqua e fuoco; Francesca Liotta di Alessandria ed i suoi pastelli su carta ed Andrea Mercalli di Borgomanero (NO) con elaborazioni fotografiche.

La mostra è visitabile nei giorni 15 e 16 – 22 e 23 – 29 e 30 settembre 2007 con orario dalle 17 alle 20. Ingresso libero. Per maggiori informazioni tel. 349.5453367


Lucca capitale europea della carta e non solo

A partire da venerdì 7 settembre prendono il via anche gli incontri letterari all’interno della biennale della carta, non a caso il tema scelto per la quarta edizione di Cartasia è l’intercultura: alle ore 17 presso l’ex manifattura tabacchi, si terrà l’incontro con il poeta Francesco Scarabicchi che presenterà la sua ultima raccolta, Il segreto (ed. L’obliquo, 2007). Nel fine settimana invece inaugureranno due delle mostre più interessanti di Cartasia 2007.

Sabato 8 settembre, alle 18.00, presso l’Ex Manifattura Tabacchi di Lucca, verrà aperta al pubblico la mostra collettiva Impressioni di Carta, che vede al suo interno varie personali: Davide Frisoni, giovane pittore romagnolo che da anni compie un’attenta ricerca sulla luce e sul colore, ricerca  che lo ha portato, in tempi recenti, a cimentarsi nella pittura in bianco e nero su carta, Adamo Modesto, geniale scultore di opere interamente in cartone (rilievi, assemblaggi, scatole-scultura…), gli eclettici pittori Pavel Kapic e Cécile Defforey, i cui soggetti sono rappresentati su carta grezza, Nicoletta Boris, artista poliedrica che dipinge su cellulosa, la fotografa Alyssia Lazin Kapic, che sempre su cellulosa stampa poetiche vedute, Alessandro Giuliani e David Sani, due originali fotografi lucchesi che utilizzano vari tipi di  carta come supporto per i loro lavori. Altra protagonista sarà Caterina Crepax, figlia del grande Guido, scenografa e scultrice. La mostra che la vede protagonista insieme a Clizia Ornato e Angela Simone, Tendenze di carta, verrà inaugurata domenica 9, alle 18:00,  presso la Fondazione Lazzareschi, in Piazza Felice Orsi a Porcari.  Caterina Crepax crea vestiti di carta, utilizzando per lo più materiale di scarto. I suoi vestiti sono realizzati con scontrini fiscali, fatture, buste, biglietti, fogli di carta di riso e carte raffinate di ogni genere, che sono l’essenza e la sostanza delle sue creazioni.

Angela Simone e Clizia Ornato sono tra le più famose e geniali designer di bijoux e oggetti di moda realizzati a partire dalla carta. La mostra presenta collane realizzate con scatole di cioccolatini vintage a forma di cuore, braccialetti postali realizzati con francobolli africani, anelli con i semi delle carte da gioco, orecchini di carta riciclata o carte da origami, perle realizzate con le carte più differenti unite in collane barocche, minimali o etniche.

Sempre all’insegna dell’intercultura si inserisce il JAM Music Media Festival: primo festival Ideato e organizzato da JAM Centro Musica Moderna in collaborazione con Cartasia 2007

Sabato 8 Settembre, ex manifattura tabacchi SI, VIAGGIARE tributo a LUCIO BATTISTI.

Ore 19.00 Incontro con la Band / workshop: tecnica vocale.

Ore 21.00 Concerto di apertura con gli allievi JAM Centro Musica Moderna.

Ore 21.30 Concerto tributo a Lucio Battisti.

Domenica 9 settembre ex manifattura tabacchi, SANT in concerto - AFRO FUSION

Iincontro tra musicisti senegalesi e italiani, ha dato vita, da ormai circa tre anni, ad un ambizioso progetto, volto a fondere la cultura musicale tipica senegalese con un genere più vicino al pop elettronico.

Ore 18.00 Incontro con la Band / workshop: le percussioni.

Ore 21.00 Concerto di apertura con gli allievi JAM Centro Musica Moderna.

Ore 21.30 Concerto con i Sant - Afro Fusion.

Info www.cartasia.it; Associazione Metropolis  +39. 0583.429169 info@metro-polis.it  

Pubblicità

 

 

 

 

 

 

Home | Aste Calendario | Aste Top Lots | Aste Press | Recensioni Mostre Antiquarie | Cultura e Arte | News Mostre Antiquarie | Antiquari e Gallerie | Calendario Antiquario | Amarcord Antiquario | Restauro | Gli Articoli di EOS | Documenti Utili | Buon Vivere | Gli Archivi

La testata Eosarte ed il sito www.eosarte.it hanno assorbito tutti i contenuti di EOS-Mercanti d'Arte e di www.eosmercantidarte.it
Copyright © 2004-2005 Associazione Arte Club Tutti i diritti riservati
Autorizzazione Tribunale di Arezzo n. 13/2003 del 17/03/2006 - Direttore Responsabile Paolo Vannini - Direttore Editoriale Pierluigi Puglisi .
tel. 0575 1822105 fax 0575 1822106 - eosrivista@yahoo.it - eosredazione@yahoo.it